La Varroa non si nutre dell’emolinfa dell’ape!

se pensate ancora che la varroa si nutre di emolinfa, rimarrete sorpresi


NUOVE SCOPERTE SULLA VARROA: NON SI NUTRE DI EMOLINFA

sono decenni che noi apicoltori e la comunità scientifica, eravamo convinti che l’acaro varroa si nutrisse esclusivamente di emolinfa.
Una recente ricerca scientifica, dimostra che l’acaro si nutre del tessuto adiposo solido dell’ape, che corrisponde alle funzioni del fegato di noi mammiferi.
Vi ricordate quando ricordate quando vi parlavo, nei video su YouTube, dell’importanza della vitellogenina nell’ape, diciamo che si nutre anche di quel tessuto!
Questa scoperta porterà a rivalutare tutti i tentativi di sconfiggere la varroa che dipendevano dal fatto che l’acaro si nutriva esclusivamente di emolinfa.
Infatti , si è scoperto , che non la varroa non è predisposta dalla natura per cibarsi di sostanze liquide, ma piuttosto da tessuti solidi.
La ricerca mostra anche, in percentuale, quali parti anatomiche dell’ape , preferisce colpire l’acaro.

ECCO I PUNTI PREFERITI DALLA VARROA

Il classico punto sul dorso, è la parte meno colpita in assoluto, molto probabilmente è l’ultima spiaggia quando “la tavolata è già tutta occupata” .
Quindi , quando non vediamo varroa sopra l’ape, molto probabilmente è nei posti migliori!

Altra parte della ricerca, mostra, attraverso delle sostanze di contrasto inserite nell’ape, in che modo e percentuale nutrono la varroa.


É una scoperta eccezionale, ecco il link della versione originale.
Un saluto e restate informati!

AnonimoApicoltore

2 thoughts on “La Varroa non si nutre dell’emolinfa dell’ape!

  1. Ciao Anonimo, parli sempre di combattere la varroa con l’ossalico in vari metodi ma del formico non ho letto tuoi commenti. Quest’anno vorrei provarlo senza bloccare la regina. Che ne pensi?

    1. Il formico dipende moltissimo dalle temperature. Se fa troppo caldo, cosa che fa quasi ovunque in Italia, l’efficacia é compromessa e la perdita di regine supera quella dei blocchi. L’ ideale sarebbe avere temperature di 25 ad agosto, ma é la stessa temperatura che imposto al condizionatore in casa, quindi non lo consiglio a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

I DANNI SUBDOLI DEI PESTICIDI SULLE API

Gio Lug 4 , 2019
Noi apicoltori siamo convinti che dove vengono usati pesticidi e diserbanti , le api muoiono e finisce la storia. La realtà è totalmente diversa, infatti, l’utilizzo di queste sostanze è endemica su tutto il pianeta. Ogni anno, sempre più alveari vengono esposti ad intossicazioni subdole, che non creano mortalità ma […]