Le api hanno inventato l’aria condizionata , l’importanza dell’acqua per le api


Le api hanno bisogno di acqua tutto l’anno a prescindere se fa caldo o freddo.

L’acqua nell’alveare non serve solamente per dissetare le nostre lavoratrici instancabili, ma ricopre un ruolo fondamentale nell’alveare.

In estate, per esempio, l’acqua viene utilizzata per condizionare l’aria dell’alveare. In poche parole , le api applicano un sottilissimo strato di acqua sulla covata opercolata e sui bordi della covata aperta e poi, tramite la ventilazione, gestiscono temperatura e umidità dell’alveare. Questo perché il nemico numero delle baby larve, è proprio l’aria troppo secca e calda.

In inverno invece l’alveare necessita di acqua sia per sciogliere i cristalli del miele delle scorte ed ammorbidirlo che per diluire il miele in generale, visto che il miele come lo conosciamo noi è la versione concentrata di quello che effettivamente consumano le api.

Le api riducono la percentuale d’acqua, tramite ventilazione, per 2 motivi:

  1. per ridurne il volume
  2. per evitare ogni probabilità di farlo fermentare o farlo andare a male

l’importanza di buone fonti idriche nei pressi degli alveari è importantissimo per le api . l’apicoltore deve assicurarsi della presenza di tali fonti, tutto l’anno, anche se in inverno, le api riescono a riciclare la condensa che si forma sulle pareti interne dell’alveare e lungo le superfici opercolate dei favi laterali.

In caso di siccità e carenza di acqua, l’apicoltore deve attrezzarsi a ricreare fonti idriche , preoccupandosi a trovare un sistema per non fare affogare le api.

la fonte perfetta per l’ape

Le api prediligono acque ferme,che hanno un odore medio-forte, molto probabilmente perché non riescono ad individuare tutte le fonti idriche attraverso la vista. Ricordo inoltre che le api riescono visualizzare sopratutto cambi di luce e movimenti, quindi per trovare fonti di acque ferme devono ricorrere all’olfatto.

La predilezione per acque ferme e quasi stagnanti è dovuta dal fatto che le sostanze azotate presenti in tali acque, sono una manna per il benessere dell’ape.

AnonimoApicoltore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

La sostituzione delle api regine, quando e perché

Gio Lug 11 , 2019
Uno dei motivi per la quale gli apicoltori sostituiscono regolarmente le api regine è quello di mantenere o incentivare alcune caratteristiche particolari e per avere alveari sempre al massimo del vigore. L’apicoltura da sottile compromesso tra uomo e ape, dove l’uno manteneva le distanze e i limiti dell’altro, negli ultimi […]