La sostituzione delle api regine, quando e perché


sostituzione delle api regine come quando e perchè
ape regina su favo

Uno dei motivi per la quale gli apicoltori sostituiscono regolarmente le api regine è quello di mantenere o incentivare alcune caratteristiche particolari e per avere alveari sempre al massimo del vigore.

L’apicoltura da sottile compromesso tra uomo e ape, dove l’uno manteneva le distanze e i limiti dell’altro, negli ultimi 150 anni, è stata travolta da l’ Agri-business . Ogni anno le aspettative verso gli alveari, di avere più caratteristiche a favore dell’apicoltore che a favore del territorio e dell’ape, aumentano.

Le caratteristiche più ricercate nei confronti di ceppi selezionati per l’apicoltura da reddito sono:

  • docilità
  • prestanza fisica e resistenza alle malattie
  • ritmo di covata sostenuto e costante
  • basso istinto di sciamare
  • igiene e pulizia dell’alveare e della covata sospetta
  • elevata produzione di miele
  • capacità di saper gestire le scorte in inverno

Non mi dilungo sugli aspetti selettivi, perché non basterebbe un anno ad elencare a che livelli di aspettative siamo arrivati nel mercato delle regine.

In apicoltura si sostituiscono le regine regolarmente per garantire il massimo vigore degli alveari.

Non sempre si sostituiscono regine per avere ceppi totalmente differenti.

La scelta più intelligente, in questo ambito, è quello della rimonta, ovvero rinnovare le regine con regine della stessa genetica. Questo accade sopratutto per chi vuole lavorare con la selezione locale.

Sulla sostituzione annuale ho qualcosa da ridire, perché a mio avviso c’è un errore negli obiettivi da raggiungere.

Gli apicoltori sostituiscono regolarmente le regine per avere più regine possibili al primo anno.

Per me il discorso cambia. L’ obiettivo mio è quello di avere più regine possibili al secondo anno, perché le api mi hanno dimostrato che le regine buone danno il meglio al secondo anno.

Gli apicoltori sostituiscono le regine agli albori della primavera.

Questa è la cosa più deleteria per la qualità delle api.

Agli inizi della primavera è difficilissimo soddisfare la richiesta del mercato con regine, figuriamoci se vogliamo regine di qualità.

L’unica garanzia che abbiamo di inserire regine di qualità è quello di allevarle o di acquistarle in stagione inoltrata, quando ormai abbiamo la certezza che da almeno un mese abbiamo avuto temperature sui 20°C in su.

Ormai sono anni che sostituisco le regine , quasi a fine stagione per garantirmi una percentuale elevata di regine al secondo anno.

Le regine al primo anno pure son buone, ma al secondo si notano molte qualità nascoste che al primo è impossibile vedere.

ALCUNI METODI PER SOSTITUIRE LE REGINE

celle reali nascenti

Ci sono svariati metodi che possiamo utilizzare per sostituire le regine, c’è chi lavora solo con le sue api per garantirsi ceppi “su misura” e chi compra e basta. A mio avviso andrebbero utilizzati tutti questi metodi , distribuendo sia i lavori che i risultati durante un ampio arco di tempo, per limitare i rischi dovuti a provvedere a tutto il fabbisogno di regine in un periodo in cui improvvisamente non ci sono state le condizioni ottimali per avere buone regine.

  • Acquisto di regine feconde
  • facendo sciami artificiali orfani
  • innestando celle reali nascenti o regine vergini

DEVO SOSTITUIRE PER FORZA LE REGINE OGNI ANNO?

Assolutamente no, chi produce nuclei che inverna ogni anno, teoricamente non ha bisogno di sostituire le regine, perché automaticamente provvede al rinnovamento del parco alveari.

C’è chi sostituisce le regine ogni anno, chi ogni due, ma è un messaggio che è passato dagli apicoltori con migliaia di alveari agli apicoltori amatoriali o con un numero umano di alveari.

Quello che non viene preso in considerazione è che non tutte le regine sono uguali, anche regine sorelle, provenienti dallo stesso telaino, non saranno mai uguali tra loro. Chi pratica apicoltura su larga scala, è obbligato ad avere un ricambio regolare perché gli alveari con regine fresche , hanno più probabilità di avere lo stesso slancio e vigore, e quindi si possono programmare i lavori in apiario, facendo di tutti gli alveari un fascio e non ragionando per singolo alveare, altrimenti sarebbe impossibile.

AnonimoApicoltore

2 thoughts on “La sostituzione delle api regine, quando e perché

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

APICOLTURA NELL’ERA DI INTERNET : LIBERO SCAMBIO COMMERCIALE E INFORMAZIONE GRATUITA

Ven Lug 19 , 2019
per molti anni, le aziende apistiche erano aziende che si tramandavano da generazioni. Non era semplice ottenere informazioni sulle tecniche apistiche come accade ora, nell’era dell’informazione, dove le informazioni preziose vengono somministrate alla popolazione gratuitamente. Prima se volevi imparare qualcosa di serio sulle api, o dovevi far parte di una […]
fare soldi online con le api e internet o con quello che vuoi